Storia della progettazione e della costruzione del ponte


Lo stretto del Golden Gate è un canale eroso tra le montagne da un antico fiume che scorreva attraverso un’arida valle fino a 10.000 anni fa. A quell’epoca, il livello del mare era più basso di circa 100 m rispetto ad oggi. Con lo scioglimento dei ghiacciai alla conclusione dell’ultima Era Glaciale, il livello del mare salì e l’oceano lentamente sommerse di nuovo la gola del fiume, dando origine alla baia di San Francisco. Oggi, il 60% delle precipitazioni piovose e nevose che interessano lo Stato della California finisce nel Golden Gate.

Lo stretto del Golden Gate è responsabile delle forti correnti di marea, dei frequenti venti, della nebbia e della salsedine che costituirono seri ostacoli alla costruzione di un ponte che congiungesse le sue sponde. A ciò si aggiunga che la tristemente famosa faglia di S. Andrea, causa del catastrofico terremoto che distrusse San Francisco nel 1906, si trova ad appena 11 km.

I nativi americani vivevano nella baia di San Francisco almeno 4.000 anni fa. Quando gli esploratori spagnoli si resero conto che la regione era ricca di risorse naturali e che la baia aveva le caratteristiche per essere un ottimo porto, vi fondarono nel 1776 Yerba Buena, successivamente ribattezzata San Francisco.

Dal 1848 al 1849, a seguito della febbre dell’oro, la popolazione della città crebbe in modo vertiginoso, passando in pochissimo tempo da meno di 500 a 5.000 abitanti fino a raggiungere un milione di abitanti poco dopo l’inizio del 1900. La principale autostrada della California che attraversava il paese da nord a sud, la Highway 101, aveva bisogno di attraversare lo stretto per diventare una via di comunicazione percorribile in tutto lo stato.

Nei primi decenni del XX secolo l’ingegneria civile fece registrare enormi progressi nel settore della progettazione e della costruzione dei ponti a campata unica. Un ponte sullo stretto, impossibile fino a quel momento, divenne una stimolante possibilità. Nonostante le resistenze della classe politica, la scarsità di fondi dovuta agli effetti della Grande Depressione iniziata nel 1929, e le enormi difficoltà legate, dal punto di vista fisico, al superamento di un braccio di mare di poco più di 2 km, la popolazione di sei contee della California settentrionale votò a favore del finanziamento della costruzione del Golden Gate Bridge. Si formò così una squadra di ingegneri e operai edili dotati di fantasia, coraggio e determinazione, che collaborarono alla progettazione e alla costruzione di quello che era stato considerato fino ad allora ‘il ponte dei desideri’.

Ulteriori informazioni


1. Superare lo stretto - Come tutto ebbe inizio


2. Lo sviluppo del progetto


3. Lavorare sott’acqua


4. Una ‘vasca da bagno’ per la torre meridionale

 


5. Le torri di sospensione più alte del mondo


6. La filatura dei cavi principali


7. La posa in opera dell’impalcato

 

8. Ordinaria amministrazione

 


9. Fatto per durare